venerdì 25 maggio 2007

LE APPARIZIONI DELLA VERGINE A MEDJUGORJE

Ho trovato questa breve storia, interessante, di fede, che ricopio con piacere:


"A Medjugorje sei testimoni affidabili, sotto giuramento, hanno continuato caparbiamente a testimoniare che dal 24 giugno 1981 la Beata Vergine Maria appare loro quasi quotidianamente.
Il primo giorno i ragazzi videro una donna giovane e bellissima con un bimbo tra le braccia. Quella volta non disse loro nulla, ma fece solo loro cenno con la mano di avvicinarsi. Ma questi, stupiti e spaventati, non si avvicinarono.
Il secondo giorno i ragazzi si recarono nuovamente sul luogo e all'improvviso balenò una luce. Insieme ad essa i ragazzi videro anche la Madonna, i ragazzi si fecero coraggio e si accostarono a Lei. Immediatamente caddero in ginocchio ed iniziarono a recitare il Padre Nostro, l'Ave Maria ed il Gloria al Padre.
La Madonna pregava insieme a loro.
Dopo la preghiera, iniziò a parlare con i ragazzi..."

per saperne di più:

mercoledì 23 maggio 2007

nati nel 1970

Evergreen 1970: che classe siamo ?


Sono nati nel 1970 :
Francesco Apolloni, sceneggiatore e regista italiano Jane Griffiths, poetessa britannica 13 gennaio - Marco Pantani, ciclista italiano 29 gennaio - Heather Graham, attrice statunitense 16 febbraio - Angelo Peruzzi, calciatore italiano 5 marzo - John Frusciante, musicista 24 marzo - Lara Flynn Boyle, attrice statunitense 27 marzo - Mariah Carey, cantante e attrice statunitense 1° aprile - Sung Hi Lee, modella sudcoreana 29 aprile - Andre Agassi, tennista statunitense 31 maggio - Paolo Sorrentino, regista e sceneggiatore italiano 1° giugno - Alexi Lalas, calciatore statunitense 2 giugno - Walter Nudo, attore canadese 19 giugno - Brian Welch, chitarrista statunitense
agosto - Myke Tyson, il Dio del pugilato (!) che per primo ha riunificato le tre corone dei pesi massimi mondiali... e difatti eccolo in foto con addosso tutte le sue tre cinture... mitico...
agosto - Naomi Campbell, una delle primissime modella che hanno inventato il concetto stesso di essere top model...
6 agosto - M. Night Shyamalan, regista statunitense nato in India 21 agosto - Paolo Vidoz, pugile italiano 23 agosto - Angelo Antonucci, sceneggiatore e regista italiano River Phoenix, attore statunitense 25 agosto - Claudia Schiffer, top model 30 agosto - Carlo Checchinato, rugbista italiano 19 settembre - Sergio Reggioli, violinista e percussionista dei Nomadi 28 settembre - Carlo Piccoli, nuotatore italiano 1° ottobre - Samuele Bersani, cantautore 8 ottobre - Soon Yi-Previn, terza moglie di Woody Allen 18 ottobre - Alex Barros, motociclista brasiliano 11 novembre - Lighea, cantante italiana 29 dicembre - Enrico Chiesa, calciatore italiano
30 dicembre - Massimo Vecchi, voce e bassista dei Nomadi
e ancora:
Ethan Hawke attore di hollywood
e
Uma Thurman attrice di hollywood.


... eccolo in foto con addosso tutte le sue tre cinture.



Certo che però... fra Claudia Chiffer e Mike Tyson... ce ne passa un bel pò... no ???

il ricordo, fra tutti, di un coetaneo che non ce l'ha fatta: Marco Pantani.

Fra i miei coetanei uno lo ricordo fra tutti : Marco Pantani, il Pirata. Che ha dato tutto se stesso agli altri, purtroppo, anche oltre il proprio limite umano.


Sue queste parole:

"… sono stato umiliato per nulla e per quattro anni sono in tutti i tribunali. MA ANDATE A VEDERE COSA E’ UN CICLISTA… e quanti uomini vanno in mezzo alla torrida tristezza per cercare di ritornare con i miei sogni di uomo che si infrangono con le droghe … E non sono un falso. Mi sento ferito e tutti i ragazzi che mi credevano devono parlare".
MARCO PANTANI
Combattivo e determinato... così lo vogliamo ricordare.
I.L.

Avvenimenti del 1970



Per i miei coetanei e per chi è interessato a un momento evergreen, posto alcuni avvenimenti del 1970.
Ce n'è di importantissimi: l'Apollo 13, il trattato di non proliferazione nucleare, il Tornado a Venezia, lo statuto dei lavoratori, la legge sul divorzio, la rivolta di Danzica, la PARTITA DEL SECOLO ITALIA-GERMANIA 4-3 e perchè no, la canzone "Chi non lavora non fa l'amore" di Celentano...
;-)

Avvenimenti del 1970:

22 gennaio - Primo volo commerciale del Boeing 747 da parte della Pan Am
5 febbraio - In Italia viene trasmesso, per la prima volta, il Telequiz il Rischiatutto
7 febbraio - In Italia si dimette il Governo Rumor II
28 febbraio - La Canzone Chi non lavora non fa l'amore cantata da Adriano Celentano e Claudia Mori vince il XX Festival di San Remo
5 marzo - Entra in vigore il Trattato di non proliferazione nucleare
12 marzo - Negli USA viene abbassata da 21 a 18 anni l'età in cui si ottiene il diritto di voto.
24 marzo - Luciano Lama viene nominato segretario della CGIL
25 marzo - Primo volo commerciale del Concorde
29 marzo - Varato il terzo governo Rumor Pasqua cattolica
9 aprile - La nave London Valour, battente bandiera inglese e carica di cromo, naufraga nella rada del porto di Genova dopo l'impatto contro la diga foranea a causa di una forte mareggiata: venti i marinai morti nell'affondamento della nave
10 aprile - Si scioglie il gruppo musicale dei Beatles
14 aprile - grave guasto alla navicella Apollo 13 si rischia il disastro spaziale
17 aprile - USA/NASA: rientro dell'Apollo 13 con salvataggio dell'equipaggio
20 aprile - La squadra di calcio del Cagliari conquista lo scudetto
22 aprile - Lussemburgo: I 6 stati della CEE firmano il Trattato di Lussemburgo
23 aprile - Giacomo Mancini diventa segretario del Partito Socialista Italiano
30 aprile - Il Presidente Richard Nixon annuncia che truppe americane prendono parte alle azioni militari avviate in Cambogia dal forze sudvietnamite per bloccare le infiltrazioni delle truppe del Vietnam del Nord
4 maggio Nel campus della Kent State University,durante una protesta, la Guardia Nazionale degli Stati Uniti aprì il fuoco sui dimostranti. Quattro studenti vengono uccisi
17 maggio Thor Heyerdahl attraversa l'Atlantico su una zattera di canne di papiro chiamata Ra II
20 maggio - Viene varato in Italia lo Statuto dei lavoratori
4 giugno - Le isole Tonga, già protettorato britannico, ottengono la piena indipendenza
7 giugno - In Italia si tengono per la prima volta le elezioni regionali
17 giugno - A Città del Messico la nazionale di calcio italiana batte la Germania Ovest per 4-3 dopo i tempi supplementari e si qualifica per la finale della Coppa Rimet in quella che verrà definita la Partita del Secolo
27 giugno - Reinhold Messner e suo fratello Gunther Messner conquistano la cima del Nanga Parbat salendo dalla parete sud ancora inviolata. Durante la discesa Gunther muore
14 luglio - A Reggio Calabria hanno inizio i primi scontri per l'assegnazione di capoluogo di regione con Catanzaro
22 luglio - Deragliamento del treno la Freccia del Sud a Gioia Tauro: sei morti e 109 feriti, la polizia denuncia i macchinisti. Secondo Lotta Continua invece è stato un attentato fascista.
23 luglio - Allo stabilimento Sit-Siemens di Milano, viene ritrovato il primo volantino firmato BR. Si tratta della prima comparsa in assoluto del nome del gruppo terroristico
31 luglio Nel corso di violenti scontri a Belfast, i soldati inglesi fanno uso per la prima volta di una nuova arma, i proiettili di plastica; un militante cattolico viene comunque ucciso
2 agosto - Oriana Fallaci si aggiudica il Premio Bancarella con il libro Niente e così sia
6 agosto - Al terzo governo Rumor succede il governo Colombo
17 agosto - La sonda spaziale sovietica Venera 7 viene lanciata verso Venere dove giunge a dicembre
30 agosto - Il marchese Camillo Casati Stampa di Soncino, uccide con un fucile da caccia la moglie Anna Fallarino, di quarantun anni, e lo studente Massimo Minorenti, venticinquenne, suo amante e dopo si suicida
11 settembre - un Tornado a Venezia causa 30 vittime
16 settembre - Il Ministro degli Esteri Aldo Moro visita l'Iran e viene ricevuto dallo Mohammad Reza Pahlavi
17 settembre - a Palermo viene rapito il giornalista Mauro De Mauro
26 settembre - sull'autostrada del Sole muoiono, in un sospetto incidente stradale con un autotreno, cinque giovani anarchici, che andavano a Roma per una manifestazione contro Nixon. Si pensa subito all'attentato, i due camionisti sono dipendenti del "principe nero" Junio Valerio Borghese. Si apre un'istruttoria. Nel gennaio dell'anno seguente il caso verrà archiviato, ma Lotta Continua continuerà a sostenere la tesi dell'attentato: i cinque anarchici aavrebbero avuto le prove che quella di Gioia Tauro sarebbe stata una strage fascista.
Ottobre Esce su Scientific American n. 223 l'articolo di John Conway sul gioco della vita
La Lancia Stratos viene presentata per la prima volta come prototipo al Salone dell'automobile di Torino
1 ottobre - Al concerto dei Rolling Stones al Palalido di Milano scoppiano tafferugli per accaparrarsi i soli 6000 posti. La polizia è costretta ad intervenire per disperdere chi non può entrare
8 ottobre - Alluvione a Genova causa la morte di 25 persone
10 ottobre - Le Isole Fiji ottengono l'indipendenza nell'ambito del Commonwealth delle nazioni 15 ottobre - Anwar al-Sadat succede in Egitto al presidente Gamal Abd el-Nasser morto poche settimane prima
1 novembre - Francia: un incendio in una discoteca a Saint-Laurent-du-Pont, nell'Isère, causa la morte di 146 persone
6 novembre - L'Italia e la Cina decidono di stabilire relazioni diplomatiche. Rottura dei rapporti diplomatici tra l'Italia e Taiwan
1 dicembre - Viene varata in Italia la legge sul Divorzio (Legge n. 898/1970)
7 dicembre - Junio Valerio Borghese tenta un golpe di stato, entrando nel Ministero dell'Interno 14 dicembre - Scoppia una rivolta operaia nel cantiere navale di Danzica (più di 80 lavoratori vengono uccisi dalla polizia)...




Ricordi del 1970 :

Ricordi del 1970 :

10 aprile -Il 1970 fu il campionato dell'incredibile trionfo del Cagliari, seguito a 4 punti dall'Inter (allora internazionale). Il Cagliari, a soli sei anni dall'approdo in Serie A, portò per la prima volta dopo decenni lo scudetto lontano dalle metropoli e, soprattutto, dal Nord-Italia, una tradizione che solo la Roma aveva spezzato nel 1942.
Il Papa era Paolo VI, patriarca dell'Ecumenismo: solo 3 anni prima aveva realizzato lo storico abbraccio del patriarca Atenagora, coprendo distanze secolari.
Il presidente della repubblica era Saragat e nel suo messaggio di fine anno dichiarava che "il 1970 ha visto il riassestamento, non privo di difficoltà e travagli, della crisi del 1969, determinata dalle lotte sindacali per una più equa ripartizione del reddito nazionale" (Peccato però che nel 1971 c'è poi stata la crisi monetaria...ndr.
Sono da citare in questo periodo la promulgazione dello statuto dei lavoratori (legge n. 300 del 20 maggio 1970), la legge Fortuna-Baslini (legge 898 del 1 dicembre 1970) che istituì il divorzio in Italia. Si scioglie il gruppo musicale dei Beatles

ancora foto della convocazione del Rinnovamento 2007





ed ecco le mie ultime foto della convocazione del Rinnovamento 2007. Come per le altre la qualità è bassina, ma se pensate che le ho fatte con un telefonino...

Famiglia e coppia: Intervista al Prof. Alessandro Meluzzi


Riporto un breve estratto di questa intervista di Sabina Fadel al Prof. Alessandro Meluzzi
(Laureato in medicina e chirurgia con specializzazione in psichiatria, è docente di genetica del comportamento umano all'Università di Siena e di psicoendocrinologia all'Università di Torino).



Intervista al Prof. Alessandro Meluzzi

Qual è, secondo lei, la più grave «malattia» di cui soffre la coppia moderna?

Soffre soprattutto del fatto di essere coppia. Nel libro ci ritorno spesso: la coppia è un’invenzione recentissima, degli ultimi cinquant’anni. Prima esisteva la famiglia, che aveva altri tempi, altre distanze, altre finalità, un’altra vitalità basata sulla sua intrinseca fecondità, non solo riproduttiva. La coppia è un’illusione un po’ neoromantica, un po’ razionalista basata sulla convinzione che i meccanismi funzionali in grado di mettere insieme un uomo e una donna siano gli stessi che possono mantenerli insieme a lungo. Ma è un errore. Questa incapacità di crescere, di «coevolvere» insieme è una delle malattie principali della coppia, proprio perché è coppia e non famiglia.

Che cos’è la famiglia?

La famiglia è la condizione naturale della vita dell’uomo. Perché è condizione naturale della trasmissione del mistero della vita, che è dono attraverso un atto gratuito d’amore.

La fede di Claudia Koll


Riporto un breve estratto di questo bell'articolo di Salvatore Scolozzi.
Fonte: http://www.korazym.org/news1.asp?Id=17605

La fede e la conversione. Claudia Koll a tu per tu con i giovani di Salvatore Scolozzi/ 15/05/2006

Continua l’impegno dell’attrice nell’evangelizzazione. Qualche giorno fa a Novoli, in Puglia, un’intensa serata di preghiera e di testimonianze. Ad ascoltarla, c’eravamo anche noi…

Festa grande a Novoli, nel Salento, che ha accolto le spoglie di San Paolo della croce in occasione del Centenario della Provincia religiosa passionista di Puglia, Basilicata e Calabria. La preziosa teca è rimasta nella cittadina quattro giorni e tanti sono stati gli eventi e le manifestazioni organizzati per l’occasione. Il momento più atteso e più affascinante è stato quello con i giovani, che hanno gremito il piazzale di fronte al Convento dei Passionisti. Anche Korazym.org ha seguito l’incontro-veglia del 4 maggio, che è stato un mix tra preghiera, meditazione, spettacolo e testimonianza, con l’atteso intervento a cuore aperto dell’attrice Claudia Koll. I giovani novolesi, ma anche tanti adulti provenienti da tutto il Salento, hanno gremito il cortile di fronte al Convento di Novoli, che in questi giorni ospita il corpo di San Paolo della Croce. A sovrastare tutti un grande palco, sul quale si è composto un collage straordinario, fatto di segni e testimonianze. Si è riflettuto sui carismi dei religiosi passionisti, offerti a tutti come condotta di vita, oltre che sull’eredità spirituale di San Paolo. E poi non sono mancati i canti, le danze e i segni, che hanno reso spettacolare la preghiera. I giovani hanno portato sul palco una grande croce, il vangelo, le torce ed un cuore passionista, come simbolo della povertà, dell’obbedienza, della castità e della passione.
Oggi, il suo vero cruccio è combattere i mali che combattono la società: “Madre Teresa diceva che il male più grande è l’indifferenza. Dobbiamo parlare alle coscienze, dobbiamo annunciare Gesù. L’altro grande male è l’onnipotenza. Negare Dio ed essere Dio di noi stessi. Si costruisce un muro e si rischia di non incontrarlo. Spesso il Signore entra nella vita delle persone quando ci sono le macerie. La sofferenza, a volte, è una grande grazia”.

lunedì 7 maggio 2007

LA SIMPATICA VICENDA DELLA MILONGA AL PEDROCCHI di sabato sera.




LA SIMPATICA VICENDA DELLA MILONGA AL PEDROCCHI di sabato sera.

Mentre a qualche metro di distanza, in un bar che non nominiamo circa duecento astanti, molti minorenni, ubriachi in mezzo alla strada, ci costringono a evitare con l’auto le bottiglie di vetro che rotolano in mezzo alla carreggiata… mentre scartiamo l’approccio di uno del centinaio di pusher nelle zone vicine al centro…finalmente la forza di sicurezza della Municipalità blocca una pericolosissima Tanda di Vals.
Evviva la sicurezza. Evviva la municipalità.
E’ bello sentirsi protetti in una città sicura.
Mmmmh…
La sensazione però è un’altra: bloccata la milonga più prestigiosa del NordEst italia.
Cattiveria gratuita lesiva per l’immagine dell’intera città ?
Sì.
In quella che sembra una gravissima aggressione, c’è chi ricorda futili motivi di rivalità politica, visto che non è nuova la polemica fra palazzo Moroni e “palazzo” Pedrocchi.
Stona infatti la nota contraddittoria: operatori del comune, che ballano in locali del comune, fermati da ispettori del comune…
Non è divertente ?
Non vi diverte ?
No.
Non è un pieno autogol della municipalità, sia politica che esecutiva ?
No, perché se c’è un gol ci deve essere qualcuno che ha vinto e io qualcuno che ha vinto sabato non l’ho visto.
La gente stupefatta è tanta, delusa e stupita.
E’ la stessa ampia compagnia che affascina spesso la città con le sue esibizioni gratuite.
Protesta ?
No.
Si arrabbia ?
No.
Perché l’ampia compagnia Tangueira reagisce con serietà e sobrietà, dando fondo a tutta la sua tipica simpatia e dignità.
C’è chi resta alla porta e guarda i pochi entrati, costretti a ballare a distanza, sempre con gli stessi ballerini, una coppia ogni due metri quadri… C’è chi va a bere qualcosa, chi per stasera cambia città, chi aspetta, chi si mette in lista, chi tenta un’imbucata e viene defenestrata, chi si siede a bere qualcosa , perché il Pedrocchi ha una architettura variegata oltre che bella e se non puoi ballare in sala Ottagona puoi comunque bere nella sala esterna !
Chi viene da Bologna, chi da Trieste, chi dalla Lombardia, un’amica dagli USA… ma non c’è nessuno di Padova?
Oh, sì… la gente di Padova è presente, tanta e compatta, ma non è affatto rumorosa.
Comprende avvocati, bancari, impiegati, notai, assessori, professionisti, addetti comunali, segretarie, imprenditori, operai… praticamente sono presente sia i cosiddetti grandi elettori, che i piccoli votanti.
E’ una discoteca abusiva piena di droga ?
No.
E’ un rave party in un bosco ?
No.
E’ la loveparade di Berlino ?
No.
E non è nemmeno quel locale in via Bernina dove hanno accoltellato il proprietario qualche mese fa e dove la Polizia è intervenuta appena l’hanno chiamata.
Ah sì… perché la polizia va chiamata.
E spesso non ne ha colpa. Non ne ha colpa né se viene chiamata tardi, né se viene chiamata su segnalazioni esagerate o sbagliate.
Tralasciamo quindi Polizia e comune…
TU CHE BALLI… spiegami una cosa… perché almeno una cosa non l’ho capita:
perché viene criticata, segnalata e attaccata, proprio da chi balla il Tango, l’unica milonga dove…
- c’è il servizio di sicurezza,
- i bagni sono separati uomini e donne e perfino doppi,
- il servizio al banco vanta tre barman (3!) che conoscono il loro lavoro,
- c’è il servizio al tavolo,
- lo scontrino viene fatto in automatico,
- il musicalizador non dimentica la musica per correre dietro a qualche ballerina,
- la carta di pulizia nei bagni non è facoltativa,
- il pavimento è liscio,
- non è obbligatoria una “integralista” (fondamentalista) mirada, per invitare la ballerina,
- ecc… ecc… ecc…
Insomma… è superfluo dirlo, ma se hai ballato Tango qui in giro, sai che questo elenco esprime un lusso fantascientifico per molte altre milonghe. Un lusso che al Pedrocchi è sempre stato garantito.
Accipicchia.
E un peccato.
Sì, ma pazienza.
Sappiamo che la quercia si rafforza con i venti contrari. Si rafforza grazie anche a un gruppo di lavoro compatto e motivato, capitaniato da Alberto MURARO e Marta LORENZI.
Una coppia di dimostrata capacità e sensibilità che ha dato molto al Tango Argentino per tutto il NordEst Italia.
Ha proposto e organizzato eventi e incontri numerosi, sacrificando pigrizia e riposo e aumentando di molto il numero di utenti di Tango Argentino, a vantaggio di ognuno. A vantaggio delle altre scuole, a vantaggio delle altre milonghe, a vantaggio di tutti gli amanti del ballo.
Un gruppo determinato ed efficiente che con integrità e generosità ha sempre realizzato un festival prestigioso.
Un festival che ogni anno è salito sul podio ideale dei primi fra i festival di tango italiano, superando molto spesso mille difficoltà.
Ma ogni difficoltà è fatta per essere superata, affinché tutto si risolva, affinché ogni cosa risorga, rinnovata e arricchita.
A Padova non manca di certo un’altra località altrettanto storica e prestigiosa, anzi, c’è abbondanza di opportunità.
Abbondanza…

I.L.

venerdì 4 maggio 2007

Ad ormai 45 anni di distanza dalla nascita del topless (era il 1964) ci avviamo ormai verso il bottom-less ?

Ad ormai 45 anni di distanza dalla nascita del topless (era il 1964) ci avviamo ormai verso il bottom-less ?
Il senso del pudore è in continua evoluzione, a volte liberatorio e a volte in senso restrittivo. Questo lo sa bene chi come me ha passato il reflusso censuratorio degli anni 70/80, in cui si cercava di ridarsi una qualche dopo l'ondata liberatoria del periodo a cavallo fra gli anni '68 e woodstock...
Non so se il senso del pudore sia connesso alla morale, non penso. So che la generazione prima di me aveva vissuto a diretto contatto col topless, ma noi non sapevamo nemmeno cosa fosse... Per fortuna che poi è arrivato il cartone animato giapponese di Lamù, una codipendente dai capelli verdi che lancia fulmini al suo 'tesoruccio' e si mostra in topless alla sua prima puntata...
http://www.cartonionline.com/personaggi/lam%F9.htm
Ed oggi arriva dall'inghilterra una ulteriore novità, che mi fa pensare che dal top-less ci avviamo verso il bottom-less.
Si tratta di un perizoma "autoreggente"
L'ho trovato sul sito di my-luxury dove (chissà perchè) veniva pubblicizzato.
Love Honey C-String: il perizoma invisibile (?)
http://www.stylosophy.it/articolo/love-honey-c-string-il-perizoma-invisibile/1733/
"C’è un’azienda inglese che ha realizzato quello che promette di diventare il perizoma del futuro. Se siete stanche di indossare abbigliamento intimo che spunta dagli ormai inseparabili pantaloni a vita bassa e se volete che l’intimo non disturbi il vostro look, ecco C-String, il perizoma talmente piccolo che diventa praticamente invisibile. Lo ha realizzato la Love Honey e nella galleria di immagini potete vedere i due modelli rosso e nero di questo nuovo slip."


La pubblicità che si fanno è molto roboante, eccola:
"C-String è assolutamente invisibile e si adatta alla perfezione al corpo femminile, senza essere visto sotto pantaloni iper attillati. Questo perizoma diventerà sicuramente l’accessorio dell’estate, stagione durante la quale amiamo indossare mini biancheria intima che si adatti meglio al nostro abbigliamento assolutamente minimal. Prezzo di questo gioiellino della lingerie: 15 sterline. Si può anche acquistare online sulle pagine di Love Honey. Provare per credere."
http://www.lovehoney.co.uk/product.cfm?p=11481

giovedì 3 maggio 2007

la sensazione che non riesco a spiegare



**********************************
la sensazione che non riesco a spiegare
**********************************
Avete presente quando, entrando nella stanza, dopo qualche passo incerto, ma con l’entusiasmo dentro, guardi negli occhi la tua Nonna o Cugina PREFERITA… quella particolare persona dalla tua famiglia da cui ti senti più AMATO… e ti avvicini e la abbracci, e anche lei ti abbraccia e ti TRASMETTE quella SENSAZIONE di amore, di essere accettato, di essere stato cercato e atteso, quel senso di essere “a posto”, quella emozione in base a cui ti senti accolto e protetto, “al sicuro” ???

Solo se avete presente questa immagine potete sentire la stessa sensazione che ho provato io alla convocazione (la 30ma) dei Gruppi del Rinnovamento, che si è conclusa ieri a Rimini.

Forte è il male alle mani a suon di applaudire, ma ancor più presenti nei miei SENSI sono i sorrisi, gli abbracci, gli affetti sinceri di puri ”sconosciuti”, mai visti prima, ma che ti abbracciano, felici di averti lì al loro fianco e di essere loro lì, al mio fianco.

Ripieni di amore, entusiasti, carismatici, allegri in quel SENTIRSI FRATELLI e nel provare quella rara SENSAZIONE di RICCHEZZA INTERNA e di VIVERE LA PIENEZZA.

Molti con la propria Bibbia, sottolineata, consunta e piena di appunti e segnalibri, molti con i Rosari in mano, TUTTI con volti da cui traspare una grande Gioia.

Non si può spiegare… o almeno non lo posso spiegare io con le mie scarne e imprecise parole scritte… no, non ci riesco, non si può rendere appieno quel senso, quella SENSAZIONE di ESSERE UNA UNICA FAMIGLIA, DOVE OGNI PERSONA E’ AMATA.

So solo che è una SENSAZIONE che ha tangibilità: la puoi toccare ! E’ quasi solida !

Ero arrivato al padiglione da 20’ alle 12:000 meno qualche minuto, ero seduto da 10’ e già mi sentivo a casa, circondato da tutta la intimità di chi ti parla senza maschere.

Già è dura sentirsi una famiglia.. è dura anche più sentirsi una famiglia amata… è altrettanto dura sentirsi un’unica famiglia quando si è in tanti (20.000!)… ma è ancor più inspiegabilmente dura sentirsi in tanti una unica famiglia amata !

Claudia Koll, Giuseppe Dossena, Amedeo Minghi, Savino Pezzotta, Salvatore Martinez e il raggiante e motivante Prof. Alessandro Meluzzi.

Meluzzi è il più ricordato, mi ha veramente sorpreso, psicologo e psichiatra dedito al volontariato verso i figli “dimenticati” dalla società, ammette le sue croci e le accetta come accetta tutti, ricordandoci che “Non è una Chiesa di Santi, ma di salvati, fragili, con tutti i limiti umani” e ricordandosi che “A colui che ha sarà dato ancora di più e questa persona diventerà ricca. Ma non per noi, per “Lui” (il dito punta verso l’alto) e per la salvezza del mondo”.
Il suo "per fare in modo che un Figlio o una Figlia abbiamo un Padre e una Madre" mi ricorda che un figlio non è un orsacchiotto. Non è il figlio che è al servizio della famiglia, ma è la famiglia che deve essere al servizio della nascita, della crescita e dell'educazione del figlio.

Molti altri incoraggiamenti degli oratori restano scritti nei miei appunti…

“Fermati un momento, ricordati quello che il Signore ha fatto per te: ha spezzato le tue catene.”

“Le Grazie divine non sono finite.”

“I fiumi del Signore non sono esauriti.”

Sono le 12:40, sono seduto da pochi minuti e sto già piangendo.

In quel momento capisco e SENTO un suono che mi dice “non tu uomo, ma IO, DIO, IO CREO”.

La facilità e l’amicizia con cui la vicina sconosciuta ti chiede se hai un fazzoletto e tu non ce l’hai e allora sorridi e lo chiedi a un’altra vicina dall’altro lato, lei sorride, e il fazzoletto arriva, immediatamente, e passa, fino all’amica che lo chiedeva, che ora è già un’amica e non più una sconosciuta, e ti sorride… così… in amicizia…

E in quel momento penso… “macchè Loveparade di Berlino” ! E’ questo il vero amore.

NULLA E’ IMPOSSIBILE A DIO

Ivan Larosi
2 maggio 2007

Tango morale e creatività




Ad un mese dalla pubblicazione sulla rivista italiana di Tango Argentino "E' Tango", come richiesto, ecco la versione integrale del 16 novembre 2006... Buona lettura :-)


Ivan




*******************************************************************




Tango morale e creatività

Proprio mentre assistiamo agli onori della ribalta internazionale per il maestro ballerino Pierre Dulaine, testimone di cortesia, cavalleria, rispetto e integrazione, siamo colpiti da fatti di cronaca sempre meno cavallereschi e sempre più sconcertanti.
Quattro sedicenni dell’istituto per grafici pubblicitari “Albe Steiner” di Torino hanno realizzato alcuni filmati che hanno poi montato in un unico video, in cui aggrediscono un compagno portatore di handicap, autistico. Alberto, così lo chiamiamo, viene circondato, insultato, spintonato, picchiato, umiliato, mentre frasi naziste vengono scritte alla lavagna. Non è una scuola nuova a episodi di dileggio: la foto di un ragazzo con la scritta “gay” e seguita da insulti era stata appesa soltanto un anno fa.
“Alberto” poi è stato dato in pasto in mondovisione su Google e per un qualche macabro senso etico, la ragazza che ha caricato il video lo ha messo nella sezione “video divertenti”.
Il collegamento con l’esperienza di Dulaine è presto fatto: di fronte a una simile violenza e ignoranza (Alberto quasi non vede e sente pochissimo) risalta il gap formativo di mancanza di rispetto, sensibilità, accettazione, integrazione, fiducia e collaborazione, che proprio Dulaine voleva compensare nelle scuole.
Al di là della bella interpretazione data a questo maestro da Antonio Banderas nel film “Ti va di ballare ?”, effettivamente il nostro Pierre, dopo aver affrontato molte difficoltà di integrazione nelle sue emigrazioni, ha dedicato decenni della sua vita ai bambini delle elementari nei vari quartieri di Manhattan. Egli era certo che il messaggio di integrazione e rispetto del ballo fosse positivo, produttivo e potesse essere consolidato in senso costruttivo nella vita dei giovani.
Infatti Dulaine, già campione pluri-premiato di ballo, ricorda che “io non insegno solo a ballare, ma insegno rispetto fiducia e dignità tramite il ballo”.
Il successo del suo pensiero è confermato dall’inserimento dei corsi di ballo in quasi tutti i distretti scolastici di quella megalopoli che da sola rappresenta circa metà della popolazione Italiana.
Certo, nel caso di Torino forse non sarebbe bastato un po’ di ballo per difendere l’integrità di “Alberto”.
Teniamo presente che se è già difficile per ogni essere umano essere accettato ed accettarsi con i propri difetti, per un handicappato è molto più difficoltoso.
Essere sicuro di te, quando sei disabile, è una vera sfida tanto più che spesso non sei completamente accettato nemmeno da chi ti è più vicino a casa e in famiglia.
La lotta quotidiana di chi vuole soltanto vivere una vita normale, avendo gli stessi desideri, bisogni e pulsioni dei coetanei, ma con molti più limiti e muri invalicabili, necessita di forti iniezioni di fiducia e incoraggiamento.
Tralasciando lo strano meccanismo tutto umano per cui spesso i più forti accettano più facilmente le sconfitte, già per un ragazzo normale essere malmenato equivale a essere ferito.
Per un ragazzo disabile è peggio, è come essere violentato, è come se ti venisse ricordato che tu in, questo mondo, sei e sarai sempre “meno” di ogni altro e, forse, persino di troppo.
Anche il padre di “Alberto” ci conferma: lui avverte le tensioni sulla pelle e l’importante è proteggerlo, perché non subisca altri choc e ulteriori ripercussioni traumatiche.
Infatti spesso a un “ritardo cognitivo” fa da contraltare quello che io definisco un “anticipo emotivo”.
Certo, secondo il principio secondo cui “si fa ciò che si sa”, non è colpa della sola scuola se la comprensione di tutto questo è mancata. Infatti dei 20 ragazzi che mediamente compongono una classe dell’istituto “Albe Steiner”, solo uno ha denunciato il fatto, l’unico che non era presente, mentre gli altri hanno mantenuto un atteggiamento di indifferenza sconcertante.
Del resto a questa fa eco l’indifferenza di numerosi quotidiani che dell’argomento non hanno nemmeno parlato. Perfino sul Torinese “La Stampa” se ne parla solo a pagina 9, mentre sul “Corriere della sera” se ne parla solo a pagina 22, dopo un articolo su una governatrice francese favorita nella sua nazione dai sondaggi interni del partito.
Ciò non mi stupisce, mi intristisce: i modelli e i dialoghi culturali attuali quali sono ?
Il tessuto sociale meramente competitivo e del tutto e subito?
La televisione dove viene difeso ciò che è villano e viene proposto per vero ciò che è un falso costruito ?
I reality show dove con falsi pretesti si cerca di diventare momentaneamente visibili a tutti i costi e pur di cercare la fama si usa la violenza, sia essa verbale, emotiva o fisica?
Bisogna insegnare a creare e non a distruggere.
Creare non è solo costruire cose solide, ma è anche arte, realizzazione di creatività .
Si può essere più creativi con una sequenza composta e “sentita” di sacadas e colgadas, che costruendo un palazzo.
Dopotutto è anche quello che differenzia l’uomo dagli Orango, peluria a parte...
E’ proprio quello di cui parla Pierre Dulaine per il ballo nelle scuole: insegnare la sensibilità e il rispetto. Il ballo è certo molto terapeutico in questo ambito.
Non posso essere un buon ballerino se non ho sensibilità e rispetto per il tempo e l’ampiezza del movimento del partner e una ballerina non può lasciarsi guidare se non sviluppa la fiducia nel suo ballerino.
Perfino l’alternanza del partner nell’arco della serata di ballo comporta una buona dose di sviluppo del rispetto, dell’accettazione e della comprensione dell’altro.
Certo, il tango non può tutto, anzi, da solo non può far molto: chi non è mai stato educato al rispetto di valori morali e umani fondamentali, chi non ha mai nemmeno visto il rispetto in 16 anni di vita formativa nel suo nucleo familiare, non può svilupparlo se non a prezzo di uno studio approfondito.
Non voglio dire che dovremmo insegnare il Tango coattivamente ai responsabili della vicenda: sarebbe un premio, là dove è invece opportuna una punizione.
Ma per loro basta un mese di volontariato al Cottolengo, dove i disabili vengono lavati, vestiti e imboccati e in alcuni casi per accedere a un semplice spazzolino da denti si deve sottostare al controllo degli operatori per evitare che qualcuno possa farsi del male più o meno volontariamente.
Di sicuro comunque fra gli altri 16 membri di quella classe e i 346 alunni dell’istituto c’è qualcun altro che può essere recettivo all’insegnamento del rispetto.
E’ proprio là dove la scuola è più difficile e “senza solidarietà”, come viene definita dagli stessi operatori, che c’è più bisogno degli insegnamenti di Pierre Dulaine.
Che vengano imitate le cose positive e … buon tango a tutti !


Ivan Larosi


16 novembre 2006


**********************************************************************************
Secondo i docenti di neuropsichiatria dell’università di Pisa, Pietro Pfanner e Mara Marcheschi, in quella condizione della mente chiamata impropriamente ritardo, le capacità dell’essere umano sono ridotte, impoverite e distorte: la mente è ferita, ma non distrutta e l’individuo mantiene sempre e comunque la propria personalità.
Alcuni disabili cioè percepiscono e recepiscono meno e più lentamente le informazioni logiche e i ragionamenti, ma percepiscono e recepiscono di più e più velocemente le informazioni emotive e i sentimenti.
Spesso infatti i disabili fisico-intellettivi sono più sensibili, più dolci, emotivamente più fragili e più soggetti all’alternarsi di depressioni e entusiasmi.


***********************************************************************************

Etichette

i Commenti al blog